Home > La legge del terzo roulette

La legge del terzo roulette

La legge del terzo roulette

Per maggiori informazioni clicca qui. Possiamo ritenere la legge del terzo come una tendenza fondamentale e sempre presente in qualsiasi insieme delimitato di fenomeni casuali. In conformità a questa regola, se sono tirati 37 colpi di roulette risulterà, mediamente, una permanenza con 24 numeri presenti e 13 mancanti. I numeri presenti in questa permanenza sono 23 due terzi meno uno e cioè: I numeri mancanti sono 14 un terzo più uno e cioè: Al di la di stucchevoli seppur giuste formule matematiche, cerchiamo di comprenderla in modo intuitivo. Prendiamo in considerazione uno spazio di 37 posizioni disponibili, inizialmente completamente vuoto: A questo punto, per determinare il numero uscente alla seconda boule, la pallina avrà a disposizione una casellina già visitata contro 36 ancora vergini.

Ecco una rappresentazione grafica della legge del terzo sui numeri pieni: Questa regola è particolarmente valida se consideriamo una permanenza sui numeri in pieno, dove apprezzabili variazioni in più o in meno dei due terzi sono relativamente rare. Al contrario non è mai esistita e forse mai avremo modo di vedere una permanenza di 37 colpi dove tutti i 37 numeri disponibili siano usciti.

Per quanto riguarda i cavalli tale legge è mantenuta certamente più delle terzine ma meno dei numeri pieni. Se prendiamo per esempio i primi 18 numeri della permanenza già esposta,14 17 3 32 16 24 29 23 27 32 20 10 17 30 28 13 23 6, per i cavalli convenzionali tre cavalli per sestina troviamo:. Se prendiamo i primi 12 numeri, sempre della stessa permanenza, 14 17 3 32 16 24 29 23 27 32 20 10, per le terzine troviamo:. Per ulteriori informazioni visita il mio blog. Area dedicata all'autore specializzato sulla legge del terzo e che ha sviluppato il criterio dei quadrati.

In un numero di colpi uguale al numero di combinazioni, un terzo delle combinazioni non sarà uscito. TI stimo, ti ammiro e ti rispetto, ma ultimamente non ti seguo più, perchè i tuoi sistemi sono diventati a mio avviso ultracomplicati, difficili da comprendere e difficilissimi da portare a tappeto. Io penso le la soluzione sia nella semplicità e non nelle complicanze. Avendolo ripreso in mano ultimamente, ho pensato Quello che mi appresto a spiegare è un metodo basato sulla matematica e la statistica per il gioco della roulette. Saranno accennati argomenti di teoria combinatoria, eventi aleatori e variabili b Questo pomeriggio sono arrivato a pezzi di utile, non guadagnati a colpi eclatanti di fortuna, ma racimolati pezzo per pezzo giocando 2 o 3 taglie a sessione.

In passato qualche volta ho forzato la puntata perché era giunto il momento di farlo e perché non avevo ben chiaro il gioco, ma mi rendo conto che questo comportamento non va bene e che è meglio impiegare più tempo e meno forzature. Nel pomeriggio sono arrivato a 7 00 pezzi di utile. Finalmente mi sono inquadrato bene nella conduzione del gioco. Lo seguo scrupolosamente senza deviazioni che in passato ponevo in atto secondo lo svolgersi della permanenza. Se il gioco funziona, deve funzionare senza fare modifiche durante il percorso.

Tutto secondo quanto stabilito dal sistema. Ore Vediamoli individualmente secondo il mio pensiero. Lo spazio esiste e per questo deve essere materiale. Per me qualunque cosa per esistere deve essere costituita di particelle che, per quanto effimere siano, devono essere materiali. Se lo spazio fosse vuoto, non esisterebbe. Infatti ultimamente ho sentito un accenno su questo fatto che anche il vuoto più assoluto potrebbe essere costituito di materia. Il tempo non è materiale e quindi secondo me non esiste. Naturalmente una simile misurazione della quantità di moto della materia non è possibile e quindi abbiamo inventato il tempo che misura la quantità di moto rotatorio della terra attorno al proprio asse.

Nulla perché il tempo non esiste, ne materialmente ne tanto meno immaterialmente. Potete solo mettermi della materia che ha una sua quantità di moto intrinseca nei suoi atomi. Il tempo quindi non esiste; esiste solo la quantità di moto. Con pezzi di cassa sono arrivato a guadagnati a 1 pezzo alla volta. Questo significa che per volte ho guadagnato un pezzo di utile. Non riesco a superare gli 8 pezzi di puntata e ultimamente, dopo vari perfezionamenti, lo scoperto avuto nel corso delle partite non ha superato i 20 pezzi. Se ogni volta che giochi vinci entro colpi giocati, e questi colpi si riferiscono a realtà e situazioni diverse, la montante utilizzata è relativa.

Del resto non so che altra montante usare. Non mi piacciono quelle a lunghi scaglioni che alla fine di una sessione di taglie ti danno meno di 10 pezzi di utile. I professionisti sono contenti di vincere 1 o 2 pezzi a taglia, ma questo non è nel mio carattere. Con una partenza ottimale vincerei molto più facilmente, ma vincerei di meno e i tempi di attesa non mi piacciono. Per il momento lasciamoli ai professionisti che, per praticarli ora, in passato devono aver subito delle belle batoste.

In altri orari i tempi sono di 7 secondi. Ma vi rendete conto? Fanno di tutto per non dare il tempo al giocatore di ragionare e prendere le sue decisioni. Fanno di tutto per far fare al giocatore puntate impulsive e non ragionate. Fanno di tutto per non dare il tempo al giocatore di completare le sue puntate prima dello scadere del tempo. Non vado a rischiare il mancato puntamento su un colpo che sarebbe risultato vincente. Ci sono le dealer che mentre fanno le smazzate parlano dei fatti loro e dei più disparati argomenti senza alcun interesse per i giocatori. Immaginatevi se uno che magari sta perdendo o più euro deve ascoltare le loro stupidate per lo più bofonchiate fra le labbra e talvolta incomprensibili.

Figuratevi che cosa interessa loro dei giocatori. Intanto i giorni passano e io ricavo ogni volta dai 10 ai 20 pezzi per seduta che dura al massimo tre taglie. Oggi 30 Ottobre nel pomeriggio ne ho vinti 18 in due taglie e mezza. A volte si vincono anche intorno ai 10 pezzi a taglia, ma bisogna che la permanenza sia favorevole. Questa sera in due taglie e mezza ne ho vinti altri Il segreto sta tutto qui. Il nuovo gioco sta resistendo da parecchio tempo. Il carattere ha la solita prevaricazione e per soggiogarlo del tutto bisogna prima auto convincersi che le situazioni non si devono risolvere subito, ma ci vuole il suo tempo. Se si gioca per divertirsi va bene; anche se la fine è già prevedibile.

Come ho detto altre volte, nei periodi negativi non bisogna cercare di risolvere la situazione in poco tempo. Sanno che a lungo andare il loro modo di attendere gli eventi è aleatorio perché la loro selezione a lungo andare non è stabile. Il gioco è definito e mancano solo gli ultimi dettagli. Sto aspettando i test di Francesco che prima mi diranno le frequenze delle chiusure e poi la resa effettiva su qualche migliaio di colpi. Il gioco è impostato per vincere e in effetti ha sempre vinto. Finora la progressione già comprendeva un pezzo di guadagno in ogni puntata, ma ero sempre soggetto ai capricci della permanenza che a volte entra in persistenti successioni anomale procurando una certa scalata nella montante.

Ora tutto questo non dovrebbe esserci più. Stiamo a vedere. Non ho resistito e questa stessa mattina ho provato la modifica. In una taglia ho guadagnato 11 pezzi. Alle 23 ho fatto 2 taglie vincendo 14 pezzi. Max puntata 4 pezzi per due sole volte. Esposizione nulla. Questa sera 14 Ottobre ho trovato due taglie di fila estremamente brutte. Nella prima ci sono state due partite che hanno chiuso molto tardi.

Nella seconda una partita che ha chiuso più tardi ancora. Lo scoperto è arrivato a 33 pezzi e la massima puntata è stata di Nonostante la giornata difficoltosa in cui qualsiasi altro sistema con certe caratteristiche avrebbe fallito, io ne sono uscito con 5 pezzi di perdita in sospeso. Mattina del giorno dopo. In una taglia ho recuperato i 5 pezzi e ne ho presi 3 di utile.

Taglia regolare. Alla sera altre due taglie 19 di utile. Con tutte le prove reali che ho fatto in questi mesi so giudicare se il gioco è o meno vincente. So che la tassa della casa su B non mi tocca e so che la tassa su P rispetto a B non mi crea scompensi. Per la verità ho commesso anche errori e mancate puntate per mancanza di tempo. Erano le prime esperienze di questo gioco in reale. In ogni caso, anche se decine e decine di partite hanno sempre dato i loro utili, si arriva inesorabilmente al punto che la selezione cade in negativa. Nonostante i pareri sfavorevoli di Alberto grande esperto su questa selezione, ho voluto testardamente proseguire le sperimentazioni che in verità sono sempre state vincenti fin dai primi giorni di Agosto quando lo provavo a tavolino durante le vacanze.

Il gioco mi piaceva perché si effettuava una sola puntata per tentativo di chiusura e quindi, se tutto si sviluppava in modo regolare, aveva una buona resistenza contro le negative. Inoltre, una mezza negativa, legata ad altre mezze negative, aumenta lo scoperto e con una Americana Martini, anche se da me modificata, rischi di prolungare il periodo dei recuperi; se alla fine ti riescono.

Il gioco è buono, ma se giocato in continuazione alla fine ti presenta il conto. In questo caso per la chiusura di una partita i colpi giocati sono due e quindi questo, nei casi di negativa, costa il doppio del precedente. Purtroppo se vogliamo una spettanza probabilistica favorevole, dobbiamo pagare la tassa. Comunque anche per un giocatore casuale è difficile perdere molto, basta non intestardirsi in una selezione che va in negativa e smettere fino alla sua chiusura.

Se si fa un gioco dove la grande maggioranza delle partite chiudono subito, è inutile insistere su una singola partita. Ricordiamoci la famosa frase: La massima puntata, se non ricordo male, è stata di 9 pezzi dovuti a un risultato selettivo abbastanza brutto. Comunque, se fossero queste le partite difficili, non ci sarebbe nessun problema per la sua conduzione. Naturalmente la prevedibilità funziona nella maggior parte dei casi, ma prima o poi capita lo sviluppo anomalo proprio come capita in una permanenza continua.

Con questo gioco, come con il precedente, non ho mai perso, ma sono arrivato a una puntata di 17 pezzi. Troppo alta per i miei gusti, anche se le disponibilità economiche dei giocatori professionisti sono di qualche migliaio di pezzi. Per loro la percentuale di risultato vincente alla pari con il banco è troppo bassa, anche se le prove sono state buonissime. Il problema è la scelta della montante. Le puntate vanno eseguite con ordine fino al raggiungimento di un utile. A quel punto si riparte da capo e si prosegue fino al nuovo utile. Non è male nemmeno questa montante. Dobbiamo solo decidere quale usare. In ogni caso è la selezione che conta perché se questa funziona, qualsiasi montante è valida.

Sono passati sei giorni e ho trovato una modifica al terzo gioco. Il gioco è da affinare perché non so se affrontarlo nella naturale sortita dei colpi o scegliere delle partenze ottimali che potrebbero limitare i già pochi colpi perdenti. Monologo del replicante. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia È tempo di morire All those moments will be lost in time, like tears in rain. Time to die. Il P ha una frequenza inferiore al B e il B, che ha una frequenza superiore, proprio per questo paga una tassa. Il fatto poi che le puntate del gioco riguardano sia puntate a Punto, sia puntate a Banco, dovrebbe agevolare un movimento finanziario il cui risultato finale dovrebbe essere pari a un gioco senza tassa.

Il pezzo nominale non tiene conto della tassa su B: E allora, cosa me ne importa di pagare la tassa??? Ma che cavolo di spauracchio è questo??? Oppure potrebbe essere che gli usuali giocatori, puntando solo a B, arrivano a cifre di puntata talmente alte che la tassa si rimangia gran parte delle vincite precedenti. Non credo che i motivi siano diversi. In pratica vi è una forte tendenza nei risultati vincenti dovuti alla potenza della selezione. Infatti, se il croupier potesse scegliere le carte o i numeri da estrarre, potrebbe far sortire carte o numeri sempre perdenti per il giocatore.

La massima puntata era stata di 40 4 pezzi a P e 40 4 pezzi a B utilizzando una montante Americana Martini ridotta. Poi, il bello di questo gioco è che le puntate sono quasi sempre basse e quindi il giocatore ne guadagna in salute, oltre che in finanza. Questi sono i pezzi vinti nelle 15 sessioni che ho simulato durante le vacanze e che erano composte da taglie secondo i casi: Poi ho stabilito che una taglia doveva rendere 4 pezzi e quindi le rese sono multipli di 4. Sapete come gli Americani definiscono noi Italiani ricercatori di sistemi?

Quando affrontiamo un gioco il cui esito dipende da un disegno formato dalla Legge del terzo, dobbiamo creare uno schema dove inserire i numeri, o le Chances, di una permanenza e questo schema deve avere una capienza tale da contenere una quantità di simboli rappresentativi dei numeri o delle altre Chances Multiple o Figure delle Semplici pari alla quantità degli elementi contenuti nella Chance che si utilizza. Si costruiscono quindi schemi diversi secondo si pratichi il gioco su Pieni, Cavalli, Terzine, Sestine o Figure delle Chances Semplici. Questi schemi devono contenere tante " posizioni " quanti sono gli " elementi " che compongono la Chance utilizzata per il gioco e ogni numero che esce dalla roulette andrà a occupare la propria posizione all'interno dello schema.

Questo inserimento della permanenza tramutata se occorre in multiple come Cavalli, Terzine, Sestine o Figure avrà la durata di un ciclo logico della Chance giocata , dopo di che lo schema si sarà completato e il disegno statistico si sarà formato. Lo schema quindi si completa con l'inserimento di un determinato segmento di permanenza chiamato " ciclo logico " perchè è formato di tanti spin quanti sono gli elementi della Chance su cui si gioca. Vediamo le caratteristiche dei due cicli. Il ciclo logico è una permanenza di tanti termini quanti sono gli elementi che compongono una Chance. Per la Chance multipla dei Pieni il ciclo logico è una permanenza che comprende 37 spin.

Per i Cavalli è una permanenza che comprende 18 spin. Per le Terzine 12 e per le Sestine 6. In pratica il ciclo logico offre alla roulette la possibilità di far sortire tutti gli elementi contenuti nella Chance su cui si gioca, mentre la Legge del terzo condiziona queste sortite producendo, alla fine del ciclo, la nota proporzione fra Chances sortite due terzi e mancanti un terzo. Numeri Pieni: Per le Chances Semplici il ciclo logico ha un senso se sono rilevate in Figura che sia composta di almeno tre termini. Naturalmente questa è una tendenza le cui variazioni statistiche in più o in meno dalla giusta proporzione sono inversamente proporzionali alla grandezza della Chance.

Una tendenza che si perfeziona con l'aumentare del numero delle prove. Il ciclo assoluto è sempre una permanenza di 36 spin , anche se le Chances giocate contengono un numero di elementi inferiore a Lo zero è escluso dal conteggio perchè non rientra nella simmetria degli schemi. Per i Numeri Pieni i due cicli sono uguali perchè gli elementi della Chance coincidono con la permanenza di 36 spin. Per Cavalli, Terzine o Sestine, non c'è uguaglianza fra gli elementi delle Chances e i 36 spin escluso lo zero del ciclo assoluto e quindi bisogna procedere a una " moltiplicazione di eventi " al fine di eguagliare il tutto. Ecco che per un ciclo assoluto sui Cavalli occorre uno schema contenente due cicli logici di 18 spin Per le Terzine uno schema contenente tre cicli logici di 12 spin 36 e per le Sestine uno schema di 6 cicli logici di 6 spin In questi casi si dovranno costruire degli schemi che contengono due volte i Cavalli, tre volte le Terzine e sei volte le Sestine perchè il ciclo assoluto dev'essere sempre di 36 spin.

Il motivo di questa analogia fra ciclo logico sui Pieni e ciclo assoluto sulle altre Chances Multiple è facilmente intuibile. Con il ciclo logico sui Pieni diamo la possibilità alla pallina di visitare tutte le caselle disponibili vedi Legge del terzo mentre con il ciclo assoluto diamo la possibilità alla Chance giocata diversa dai pieni di compensare eventuali anomalie dei singoli cicli logici con una " moltiplicazione di eventi ".

Per esempio, in un complessivo di 6 cicli logici di Sestine ci saranno cicli logici con Sestine in allargamento e cicli logici con Sestine in calore. Nell'insieme dei 6 cicli queste anomalie si compenseranno , dandoci alla fine una configurazione simile a quella che si ottiene con un ciclo logico sui Numeri Pieni. Ciclo assoluto di 36 spin due cicli logici ; presenze 24, assenze Ciclo assoluto di 36 spin tre cicli logici ; presenze 24, assenze Ciclo assoluto di 36 spin sei cicli logici ; presenze 24, assenze Vediamo allora un esempio di ciclo assoluto su ognuna di queste Chances.

La permanenza è riportata con il nome dell'elemento della Chance. Inseriamo un ciclo logico di 18 spin in ognuna delle due righe dello schema. In totale sono 36 spin e la somma dei due cicli rispecchierà il risultato standard dei Numeri Pieni. Primo ciclo logico: Secondo ciclo logico: La somma dei due cicli ha dato 23 presenze e 13 assenze Legge del terzo mantenuta. Inseriamo un ciclo logico di 12 spin in ognuna delle tre righe per un totale di 36 spin. Terzo ciclo logico: La somma dei tre cicli ha dato 25 presenze e 11 assenze Legge del terzo mantenuta. Inseriamo un ciclo logico di 6 spin in ognuna delle sei righe per un totale di 36 spin.

Quarto ciclo logico: Quinto ciclo logico: Sesto ciclo logico: La somma dei sei cicli ha dato 25 presenze e 11 assenze Legge del terzo mantenuta. Come possiamo notare, il risultato totale tendenziale è uguale a quello di un ciclo logico sui Numeri Pieni e anche qui ci saranno le variazioni fra presenze e assenze che solitamente non superano i 4 punti in difetto o in eccesso. C'è tuttavia da notare che per le Terzine e i Cavalli, la giusta moltiplicazione di eventi dovrebbe essere come per le Sestine e cioè utilizzata con il " quadrato " 12x12 per le Terzine e 18x18 per i Cavalli.

Con la giusta quantità di cicli logici si otterrebbero le giuste proporzioni in modo più stabile. Fin qui abbiamo visto il comportamento statistico di una permanenza all'interno di un ciclo logico o assoluto. Bisogna cioè ottenere dalla Legge del terzo la cosiddetta " vincita costante ". Di meccanismi se ne sono provati a decine, ma tutti hanno una limitazione: La conseguenza di questo ritardo è che il disegno ricercato diventa probabile in più punti dello schema causando un aumento delle Chances da mettere in gioco. Sappiamo che con l'utilizzo di questa Legge, la Chance giocata forma particolari configurazioni visive che si formano all'interno di schemi appositamente creati: Le configurazioni che si possono ottenere all'interno di uno schema tramite la Legge del terzo, sono di due tipi: Nel secondo caso la causa di questo allargamento di " aperture " sta nella variabilità delle permanenze e cioè in quella imprevedibilità possibile in una serie di numeri casuali.

Statisticamente abbiamo dei risultati che nella molteplicità delle prove sono stabili, ma se guardiamo nel singolo frammento, possiamo avere risultati anche molto anomali, dove le caratteristiche del risultato totale stabile possono essere disattese per un periodo abbastanza lungo, ritardando quindi la formazione del risultato certo verso la fine del ciclo logico. In sostanza, la ragione dell'instabilità nel singolo risultato statistico previsto dalla Legge del terzo è dovuta alla grande variabilità dei segmenti di permanenza contenuti nei cicli logici e cioè è la soggezione temporanea della permanenza a possibili scarti sull' allargamento o sul calore. La Legge del terzo indica che in un ciclo logico sui Numeri Pieni le presenze numeri usciti almeno una volta saranno tendenzialmente 24 con variazioni che di solito non superano i 4 punti in difetto o in eccesso.

Il termine è quindi usato per indicare la quantità dei numeri presenti in una permanenza, ma anche un momentaneo andamento della permanenza privo di doppiaggi di numeri già sortiti in precedenza. La stessa cosa vale anche per le altre Chances Multiple diverse dai pieni, anche se con maggiore aleatorietà.

Dimostrazione matematica della legge del terzo — laRoulette

La legge del terzo è una di quelle “certezze” matematiche della roulette che si applica dandola per scontata o cercando di dimostrarla empiricamente in un. Metodo vincente per Vincere alla Roulette attraverso La legge del Terzo Numeris Di Nhumana strategia sicura per vincere alla roulette. Ho visto in rete una dimostrazione della legge del terzo secondo le seguenti linee: . (c) qui la critica più ovvia è che per la Roulette i numeri precedenti non. ROULETTE ONLINE CATALOG 4 In breve la legge del terzo dichiara che in una rotazione completa, per esempio di 37 numeri, su 37 boules uscite 1/3. Le sue osservazioni e riflessioni sulla dinamica dei numeri della roulette gioco chiamato appunto il sistema sulla legge del terzo di Bockstaele, che prevede. Un sistema molto semplice e nello stesso tempo cosi particolare I giocatori esperti sannno che la roulette e divisa in 12 cosi detti street ossia delle vie. Il primo. Nel precedente post ho accennato alla Legge del terzo che, se applicata bene e nei dovuti modi, da senz'altro molte soddisfazioni. Ho detto che basta aspettare.

Toplists